Queerographies

Be Proud Of What You Read

Archivi categoria: antolog(a)y

[Queen. Opera Omnia][Roberto De Ponti]

Perché fu la caparra per un appartamento a cambiare la storia dei Queen? Per quale motivo Dio è stato inserito fra i crediti di una canzona di Brian May? Perché l’impianto audio di una discoteca di Monaco convinse i Queen a indirizzarsi verso la disco music?

ottobre 13, 2019 · Lascia un commento

[Può succedere anche a noi?][Becky Albertalli][Adam Silvera]

Perché un amore a prima vista fantastico come quelli che si vedono nei film deve capitare sempre agli altri?

ottobre 12, 2019 · Lascia un commento

[Una stagione all’inferno][Arthur Rimbaud]

Arthur Rimbaud ha solo diciannove anni quando, nel 1873, pubblica Una stagione all’inferno, e grazie alla sua personalità fuori dagli schemi riesce a imporsi come uno degli autori-simbolo del suo tempo.

ottobre 11, 2019 · 1 Commento

[Outsiders 2][Alfredo Accatino]

Altre storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

ottobre 10, 2019 · 3 commenti

[Storia di Marcella che fu Marcello][Bianca Berlinguer]

Il racconto in prima persona di una vita appassionata e difficile – piena di fatiche e scoperte, di sofferenze e conquiste -, una lunga e generosa ricerca della felicità.

ottobre 9, 2019 · Lascia un commento

[Gli occhi vuoti dei santi][Giorgio Ghiotti]

Dodici racconti, dodici cattività domestiche. Dodici incendi.

ottobre 8, 2019 · Lascia un commento

[Amore, romanzi e altre scoperte][Mario Fortunato]

Questo libro è al tempo stesso un’autobiografia, un romanzo di formazione e una scelta di pagine (da Proust a Mishima, da Gide a Tondelli, da Isherwood a Ingeborg Bachmann) così necessarie da diventare parte integrante della storia che ci viene raccontata, come se per quella fossero state scritte.

ottobre 7, 2019 · Lascia un commento

[Accattone-Mamma Roma-Ostia][Pier Paolo Pasolini]

Questo volume raccoglie tre sceneggiature: Accattone, Mamma Roma e Ostia (quest’ultima realizzata a quattro mani con Sergio Citti, che del poeta era «consulente linguistico» per i romanzi e i film, nonché collaboratore fidato alle sceneggiature e ai dialoghi)

ottobre 6, 2019 · Lascia un commento

[In febbre e sudori][Fabrizio Cavallaro]

C’è desiderio, malinconia, muschio, muffa, saliva, rancore, soddisfazione, pezzi di pelle, languore nell’ultima silloge di Fabrizio Cavallaro

ottobre 5, 2019 · 1 Commento

[Michel Foucault. Un pensiero del corpo][Arianna Sforzini]

Non esiste un concetto univoco, una natura essenziale del corpo. Esistono solo storie, storie di lotte.

ottobre 4, 2019 · 1 Commento