Queerographies

Be Proud Of What You Read

[Giorno della Memoria 2020]

Lunedì 27 gennaio 2020 si celebra il Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e delle vittime e dei perseguitati dal Nazismo perché omosessuali, asociali, emigranti, prigionieri politici, Rom, Sinti, Jenisch e Testimoni di Geova.

nazi_camp_marksGli omosessuali maschi, indicati con un triangolo rosa sulla divisa, furono deportati nei campi di concentramento in base al Paragrafo 175 del codice penale tedesco, in vigore dal 15 maggio 1871 al 10 marzo 1994, che considerava un crimine i rapporti sessuali tra uomini. Le donne lesbiche erano contrassegnate con un triangolo nero, come quello delle persone asociali, perché non conformi al modello di femminilità e accettabilità imposto dal regime nazista. In ogni caso, la persecuzione delle persone gay e lesbiche sotto il Nazismo fu molto dura, molti vennero percossi violentemente, sottoposti a sterilizzazione forzata o a sperimentazioni genetiche. Molti di loro furono ostracizzati anche dagli altri prigionieri. Si stima che nei campi di concentramento nazionalsocialisti furono deportati Pink-Triangle-Uniformtra i 5.000 e i 15.000 omosessuali maschi, con un tasso di mortalità pari al 60%, facendone il secondo gruppo sociale dopo gli ebrei con più vittime. La criminalizzazione delle persone omosessuali continuò anche dopo la guerra, non furono, infatti, riconosciuti come perseguitati né ebbero diritto a un risarcimento per le ingiustizie subite.

 

Per non dimenticare vi proponiamo 10 libri che raccontano storia degli omosessuali nella Germania nazista e durante l’Olocausto.

Autore: Martin Sherman
Titolo: Bent. Nazismo fascismo e omosessualità
Editore: Edizioni Gruppo Abele
Anno di pubblicazione: 1979

83814934_2929106237148300_3138303672287494144_nBent racconta l’odissea di un omosessuale di trent’anni nella Germania di Hitler. Una storia d’amore che nasce e si sviluppa nel più terribile e cupo degli scenari, quello del lager. La ricerca di una identità e di una dignità da non più nascondere, ma che si compie solo con la ribellione tragica del finale. Il testo riproduce la partitura dello spettacolo giunto in Italia dopo essere stato salutato trionfalmente dal pubblico e dalla critica a Broadway, Londra, Parigi e Berlino. Ne è stata conservata tutta la carica provocatoria e insieme il suo significato morale e politico. … A completamento dell’opera sono stati aggiunti due contributi originali. Uno di Giovanni Dall’Orto sul modo in cui si pose la questione omosessuale in Italia durante il periodo fascista, l’altro di Rudiger Lautmann sugli omosessuali nei campi di concentramento nazisti.

Autore: Massimo Consoli
Titolo: Homocaust. Il nazismo e la persecuzione degli omosessuali
Editore: Kaos edizioni
Anno di pubblicazione: 1991

A1O+9vEHFxLUna delle pagine più atroci e sottaciute della nefasta storia del nazismo è quella relativa alla persecuzione degli omosessuali. Homocaust scrive questa pagina, attraverso una puntuale ricostruzione delle fasi storiche che portarono il pregiudizio antiomosessuale a divenire uno dei capisaldi dell’ideologia nazista. A partire dalle stesse implicazioni omosessuali che in Germania caratterizzarono l’avvento al potere del Partito nazista, e che segnarono sullo sfondo il tragico divenire del Terzo Reich, fino allo sterminio di centinaia di migliaia di “Triangolo Rosa” nei lager hitleriani. Illustrato con foto b/n e a colori.

 

Autore:  Paola Guazzo, Ines Rieder, Vincenza Scuderi
Titolo: R/esistenze lesbiche nell’Europa nazifascista
Editore: Ombre corte
Anno di pubblicazione: 2010

61ku7eu8AjLIn un contesto in cui la ricerca storica europea appare ancora fortemente condizionata da istanze maschili-bianche e le reti accademiche non sembrano certo distinguersi nell’investire sensibilità ed energie sulla storia dei soggetti “altri”, quali le lesbiche sono indubbiamente, i lavori qui presentati assumono sicuramente una rilevanza particolare nel panorama storiografico. Frutto di un lavoro corale sulle poche fonti e testimonianze di cui ancora si dispone, il volume si avvale dei contributi di alcune note storiche del lesbismo che si occupano di esistenze e resistenze lesbiche nell’Europa dei nazifascismi, includendo anche il franchismo spagnolo. La barra che si è scelto di apporre su “resistenze” sta infatti a indicare come per le lesbiche la stessa esistenza possa essere considerata una forma di resistenza (all’eterosessualità obbligatoria, alla cancellazione di sé e delle proprie passioni), ancor più in periodi di forzata “normalizzazione” di tutte le donne come furono quelli dei fascismi europei del Novecento. Ma la “resistenza” che trova spazio in questo libro è anche quella di lesbiche politicamente consapevoli, che fronteggiarono e combatterono con determinazione e coraggio le dittature di Mussolini, di Hitler e di Franco. Nel volume vengono inoltre affrontate anche le questioni, spesso rimosse, relative alla “zona grigia” della sopravvivenza durante l’internamento e ai rapporti fra “asociali” e “politiche” nei lager.

Autore: Gad Beck
Titolo: Dietro il vetro sottile. Memorie di un ebreo omosessuale nella Berlino nazista
Editore: Einaudi
Anno di pubblicazione: 2010

978880619754GRAL’omofobia del regime nazista è forse meno nota del suo antisemitismo, ma ha generato anch’essa segregazioni, deportazioni, morti. Nel 1933 Hitler mise al bando organizzazioni e pubblicazioni omosessuali, mentre Heinrich Himmler, il capo delle SS, predicava la completa eliminazione degli omosessuali. In quegli anni terribili Gad Beck, figlio di un ebreo austriaco e di una luterana tedesca, conduceva la sua infanzia e adolescenza a Berlino, scoprendosi in maniera naturale, e senza sensi di colpa, attratto dagli uomini. Nel cuore di una Germania che si avvia verso la persecuzione razziale più orribile, Gad vive il progressivo restringimento del suo spazio di vita, di lavoro e di espressione, ma non si arrende alle difficoltà e non rinuncia a gustare fino in fondo il sapore della giovinezza, dell’amicizia, dell’amore. Impegnato nei movimenti sionisti, entra a far parte di un gruppo clandestino che agisce a sostegno degli ebrei, fino a che non viene tradito da una spia della Gestapo, arrestato, torturato. Sarà l’arrivo delle truppe sovietiche a salvarlo da morte certa. In questo libro Gad Beck racconta con una voce freschissima e mai patetica l’avventura di un ragazzo ingenuo ma arguto, furbo ma profondamente buono, che riuscì a non farsi contaminare dalla paura e dall’orrore del totalitarismo nazista.

Autore: Giorgio Giannini
Titolo: Vittime dimenticate. Lo sterminio dei disabili, dei Rom, degli omosessuali e dei testimoni di Geova
Editore: Stampa Alternativa
Anno di pubblicazione: 2011

vittimeSulle casacche portavano triangoli neri, marrone, rosa o viola. Erano gli internati nei lager nazisti che appartenevano a “categorie” troppo spesso dimenticate nelle commemorazioni ufficiali delle vittime di quella barbarie. Oltre agli ebrei, infatti, il nazismo tentò di sterminare i disabili, condannati alla sterilizzazione o al lager in nome dell’eugenetica; gli zingari, considerati un pericolo sociale e poi internati e uccisi; gli omosessuali, perseguitati, castrati e rinchiusi nei campi di concentramento; i testimoni di Geova, eliminati per il loro rifiuto del servizio militare e la loro opposizione al regime. In questo libro viene ricordata la storia delle vittime “dimenticate” che affrontarono tremende vicissitudini nel periodo più cupo del Novecento. Perché la loro tragedia sia di monito per il futuro.

Autore: Jean Le Bitoux
Titolo: Triangolo rosa. La memoria rimossa delle persecuzioni omosessuali
Editore: Manni
Anno di pubblicazione: 2013

triangoloBerlino con i suoi celebri locali, meta dei gay di tutta Europa, con l’avvento del nazismo si scatena nell’odio contro gli omosessuali: i Tedeschi hanno bisogno di figli, futuri combattenti per la grandezza della Germania e della razza, e i gay diventano nemici da identificare ed eliminare. Inasprite le leggi, 100.000 omosessuali sono vittime di delazione, marchiati e perseguitati dalla polizia e dalle SS, più di 10.000 finiscono nei campi di concentramento, e le persecuzioni si estendono via via nei territori annessi dalla Germania. Finita la guerra, vittime, testimoni e storici tacciono. La deportazione omosessuale è rimossa dalla memoria collettiva, spesso le commemorazioni dei triangoli rosa sono osteggiate dalle altre categorie di deportati e non di rado continuano ad esistere per decenni leggi persecutorie e omofobe. In questo libro, pietra miliare del movimento LGBT in Francia e oramai anche in Italia, Jean Le Bitoux, utilizzando le fonti più varie, da testimonianze dirette a conversazioni e interventi di Sartre e Foucault, ci restituisce questa storia dimenticata e indaga le ragioni della rimozione, dell’oblio. Introduzione di Giovanni Dall’Orto, prefazione di Nichi Vendola.

Autore: Paolo Arigotti
Titolo: Un triangolo rosa
Editore: Edizioni Progetto Cultura
Anno di pubblicazione: 2015

un-triangolo-rosaA Roma, Marco, giovane impiegato presso un notaio ebreo, accetta la proposta di collaborare con una rete clandestina antifascista, dove stringe amicizia con un brillante avvocato, Luigi, che diverrà il suo compagno. Sulla scia dei venti di guerra, Marco intesse intensi rapporti con il Vaticano. È in questo contesto che i due giovani scopriranno gli orrori perpetrati nei lager nazisti, anche a danno di persone che vivono la loro stessa condizione di omosessualità, e conosceranno Klaus, un rampante ufficiale delle SS. Tale incontro segnerà il loro destino, trascinandoli nell’orrore di Auschwitz. Una serie di vicissitudini e colpi di scena condurrà i tre protagonisti fino alla conclusione del secondo conflitto mondiale e oltre…

Autore: Marco Vignolo Gargini
Titolo: Paragrafo 175. La memoria corta del 27 gennaio
Editore: Tra le righe libri
Anno di pubblicazione: 2016

9788899141394_0_0_648_75Partendo dal controverso caso italiano, Paragrafo 175 La memoria corta del 27 gennaio di Marco Vignolo Gargini (Tra le righe libri) è un pamphlet che si occupa principalmente della persecuzione e sterminio degli omosessuali durante il Terzo Reich, con documenti tradotti dall’originale (tra cui un discorso sull’omosessualità tenuto da Heinrich Himmler il 18 febbraio 1937 ai generali delle SS) e considerazioni legate all’attualità. All’interno del libro sono riassunti i passaggi storici che portarono lo stato tedesco ad adottare una legislazione oppressiva nei riguardi degli omosessuali, attraverso il Paragrafo 175, l’articolo del codice penale che condannava gli atti sessuali tra uomini. Nonostante i tentativi di abrogare tale articolo, che videro in primis personaggi come Magnus Von Hirschfeld, sessuologo fondatore di un l’Istituto per la ricerca sessuale molto rinomato a livello mondiale, l’avvento del nazismo accentuò la persecuzione amplificando il Paragrafo 175 e dando avvio ad un’opera di internamento e sterminio nei Lager, soprattutto dopo la famigerata “Notte dei lunghi coltelli”, tra il 29 e il 30 giugno 1934, in cui furono arrestati e uccisi i vertici delle SA, capitanate da Ernst Röhm, notoriamente omosessuale, accusato dai rivali delle SS di voler tentare un colpo di stato. Dopo la fine del conflitto e la sconfitta dei nazisti il Paragrafo 175 rimase in vigore, gli omosessuali, tra cui quelli usciti dai Lager, potevano essere arrestati nei due stati tedeschi per più di venti anni ancora, quando fu modificato l’articolo e soppressa l’antica dizione di “atti sessuali tra uomini”. Soltanto nel 1994, quattro anni dopo la riunificazione della Germania, l’articolo fu definitivamente soppresso.

Autore: Sarah Helm
Titolo: Il cielo sopra l’inferno. La drammatica storia vera di Ravensbrück il campo di concentramento nazista per sole donne
Editore: Newton Compton
Anno di pubblicazione: 2017

helmMaggio 1939. Centinaia di donne – casalinghe, dottoresse, cantanti d’opera, politiche, prostitute –, provenienti da un carcere comune, raggiunsero prima in treno e poi su camion un luogo nascosto nei boschi a nord di Berlino. Attraversarono, poi, gli enormi cancelli di ferro tra gli insulti, le urla, i latrati dei cani e le percosse delle guardie. Erano le prime prigioniere di Ravensbrück, il nuovo campo di concentramento femminile “modello” ideato da Heinrich Himmler. In sei anni vi furono rinchiuse 130.000 donne, provenienti da più di venti Paesi in tutta Europa. Erano di diversa estrazione, nazionalità, credo politico; solo poche tra loro erano ebree: Ravensbrück serviva ai nazisti per eliminare tutti “gli esseri inferiori”. Zingare, esponenti della Resistenza, nemiche politiche vere o presunte, disabili, “pazze” dovettero sopportare privazioni, sevizie, malattie, lavori forzati, esperimenti “medici” ed esecuzioni sommarie. Negli ultimi mesi di guerra il lager divenne un campo di sterminio, perché era necessario far sparire in fretta “le prove” della sua reale funzione ed entro l’aprile del 1945 vi vennero trucidate tra le 30.000 e le 90.000 donne, molte con i loro bambini. Per anni, fino alla fine della Guerra Fredda, la verità su Ravensbrück è rimasta nascosta. Grazie a interviste esclusive e documenti inediti, Sarah Helm ci offre una vivida ricostruzione e una testimonianza indimenticabile di uno dei capitoli più tristi della nostra Storia.

Autore: Heinz Heger
Titolo: Gli uomini con il triangolo rosa
Editore: Sonda
Anno di pubblicazione: 2018

81hqF-MQY6LÈ il 1939 quando Heinz Heger viene arrestato a Vienna: ha inizio la sua discesa agli inferi, con la deportazione nei campi di concentramento di Sachsenhausen e di Flossenbürg e l’infamia del triangolo rosa, il pezzo di stoffa che identificava le persone omosessuali. Questa è la testimonianza di come è riuscito a sopravvivere, tra lavori forzati, torture, stratagemmi e alleanze col nemico. Una vicenda umana e storica violenta come un pugno nello stomaco, che non si dimentica. Il racconto di una delle pagine più atroci del Novecento, che dà voce alle “vittime dimenticate” del nazismo. Con un saggio di Giovanni Dall’Orto, giornalista e storico, sulla condizione degli omosessuali in Italia nel periodo fascista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: