Queerographies

Be Proud Of What You Read

[Una donna sbagliata][Simona Porfido]

Una donna sbagliata  Simona Porfido

Una donna e il peso della sua storia. Un’amica che ne raccoglie la testimonianza e si fa carico di ogni sua parola, di ogni suo respiro. È un lungo andare quello di Antonella fatto di attese, di ricerca, di paure, di solitudine, di rabbia, e di giudizi. È senso della vita quello di Simona fatto di ascolti, di trascrizioni, di attese e di riprese. Con gesti misurati e sinceri l’una si rapporta all’altra. E l’altra dice di una vita dove le parole scorrono come l’acqua in un fiume in piena, senza argini e senza un mare alla sua foce. Una donna sbagliata è una lunga intervista che durante la lettura ci restituisce la voce più vera, più intima di queste due donne: Antonella e Simona. Chi intervista, come in questo caso, ci mette sempre del suo in quello che chiede, in quelle domande che si inseguono una dopo l’altra, c’è la parte più bella che l’intervistatore possiede: il cuore. Un’intervista non può nascere se non c’è cuore, quello vero. E Simona questo lo sa benissimo altrimenti non si sarebbe messa al lavoro! L’intervistato ha i suoi tempi, la sua vita da raccontare fatta di momenti sbagliati, di ingiustizie, e di rabbia, tanta rabbia. Una rabbia che Antonella sfoga non attraverso gesti cattivi, parole cattive, pensieri cattivi, ma nel definire se stessa una donna sbagliata. Ma può una donna se sbagliata amare gli animali e prendersene cura? Può una donna se sbagliata nascondere il suo essere al mondo interno pur di tutelare l’amore e l’affetto della sua famiglia? Può una donna, quale essere umano prima di ogni cosa, se sbagliata cercare negli altri, perché ne conosce il valore, l’amicizia e l’amore? Queste sono le domande che mi sono posta durante la lettura di questa bella intervista dove non troverete un principe azzurro che rapisce la sua amata, non leggerete di vacanze in isole tropicali, o di una vita da favola. No, non troverete nulla di tutto ciò, ma di certo leggerete una storia vera nel suo essere più nuda e cruda.

Simona Porfido, alias Regina, nasce a Genova. Frequenta diversi seminari di psicologia integrata. A Milano approfondisce e si attesta in psicologia dei colori di Max Lüscher. Alla fine degli anni ’90 frequenta l’università ayurvedica. Al suo attivo ha diverse pubblicazioni: la trilogia gotico esoterica edita da Apollo Edizioni; La sfumatura rossa della Tenebra (2015), Io sono l’Immondo (2017) e Corynnod Arian, Ragni d’Argento (2020), C’è un’ombra sulla luna (2020) una raccolta di poesie dove la vita proietta la sua ombra sulla luna. Oggi la Porfido dona ai suoi lettori una nuova esperienza editoriale: Una donna sbagliata, intervista tra l’autrice e “Antonella” dove, parola dopo parola, troverete la vita e “leggerete una storia vera nel suo essere più nuda e cruda”.

Per acquistare il libro

Scritto da: Simona Porfido
Titolo: Una donna sbagliata
Editore: Apollo Edizioni
Anno di pubblicazione: 2021
Pagine: 138
ISBN: 9788831202671

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il marzo 27, 2021 da in antolog(a)y con tag , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: