Queerographies

Frocio chi legge.

#gaylit [Massimo D’Aquino | Camminavo rasente i muri]

camminavo

Un cammino costellato da emozioni forti ed episodi significanti di una realtà sconosciuta ed artefatta dai mezzi di comunicazione. Un racconto dove si riesce ad entrare per comprendere la realtà di una condizione che non è una scelta.

Fin da piccola il protagonista sente che c’è qualcosa che non combacia col suo sentire. Una dissonanza, una stonatura che l’accompagnerà fino alla risoluzione (mai definitiva) del problema. Ma quale problema ci potrà mai essere nell’andare a votare per una persona normale? Quale angoscia nel fermarsi all’autogrill per andare in bagno o nell’andare al mare? Cosa può succedere nella mente di una persona che vede crescere il proprio corpo esattamente all’opposto di ciò che sente? Tutto questo si coglie in questa autobiografia tascabile, cruda e sincera. Uno degli scopi del protagonista/autore è quello di non autocommiserarsi mai, ma di considerare una rara fortuna l’essere nato transessuale.

Massimo D’Aquino, Camminavo rasente i muri (autobiografia tascabile di un transessuale), Aletti Editore 2014, pp. 52, ISBN: 9788859117193

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il novembre 18, 2014 da in antolog(a)y con tag , , , , , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: