Queerographies

Be Proud Of What You Read

[Stamattina stasera troppo presto][James Baldwin]

stamattina-stasera-troppo-presto-1-1-1-494x741

Parigi, una vigilia. Un attore americano – bellissima moglie svedese, un figlio che saluta con «bonsoir» e un amico regista a cui deve il successo – sta per vivere la sua ultima serata in terra straniera. Si tratterebbe della fine di un esilio, della strada verso casa; ma non è così. Per un nero americano il momento del ritorno è sempre mancato. E stamattina stasera troppo presto, come l’ora di chi nasce espatriato. E una lunga e agitata notte di incubi. La nostalgia irrisolta di un uomo a cui hanno negato le radici. Col suo percorso biografico, negli otto blues della raccolta, James Baldwin rivive e dischiude momenti dell’intero spirito nero americano. Senza patria e senza padre nell’infanzia passata fra i vicoli e le scale antincendio di Harlem. Solo contro il peccato e la minaccia della pena di fronte ai sermoni e lo spettacolo estatico dei gospel. Disadattato e frustrato contro i pregiudizi dei razzisti, dei buonisti alla zio Tom, dei neri disillusi e abbandonati a loro stessi fra le strade e i punti esclamativi di Manhattan. Commosso sulle note di un fratello – di ogni fratello – che ha gettato la vita per inseguire Charlie Parker. Nella lotta per l’identità di una coscienza, quella nera, da sempre lacerata, la discesa fino all’inconscio appare come l’unica salvezza contro l’ossessione del colore e la paura per la propria vita. Così Baldwin si fa universale: bianco e nero, saggista e narratore, moralista e libertino. Scava nell’anima fino al peccato originale in cui è svelata, come un fuoco, la più gratuita delle brutalità dell’uomo contro il corpo dell’uomo.

«Baldwin stimola il pensiero, è allettante, irritante, violenta e diverte. Usa le parole come il mare usa le onde, fluisce e batte, avanza e si ritira, si erge e fa un inchino per sparire… il pensiero si fa poesia e la poesia illumina il pensiero.» Langston Hughes

«Se Van Gogh era l’artista “santo” del diciannovesimo secolo, James Baldwin è quello del ventesimo.» Micheal Ondaatje

«È diventato uno dei pochi scrittori del nostro tempo.» Norman Mailer

James Baldwin, saggista, poeta, commediografo e scrittore, nato a New York nel ’24 e morto in Francia nel ’87, è stato fra i più grandi intellettuali americani del secolo scorso. Cresciuto ad Harlem – come racconta nel capolavoro Gridalo forte (Rizzoli, 1966) – secondo una ferrea educazione religiosa impartita dal padre adottivo, si trasferisce a Parigi negli anni ’50 dove vivrà gran parte della sua vita. Figura di spicco della coscienza nera (ma inviso alle Pantere Nere per la sua omosessualità) è oggi divenuto oggetto di una vera e propria renaissance.


James Baldwin, Stamattina stasera troppo presto [Going to Meet the Man], trad. it di Luigi Ballerini, Racconti edizioni 2016, pp. 216, ISBN: 9788899767075

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: