Queerographies

Frocio chi legge.

[Traiettorie «underground» della formazione][Stefano Maltese]

7407111_2389935In questo libro si parla di adolescenti ma lo si fa solo dopo aver parlato con gli adolescenti.
Sedici ragazzi omosessuali, tra i diciassette e i diciannove anni, hanno scelto, con coraggio, di condividere il racconto della loro storia di vita in riferimento a un tema particolarmente rilevante per loro: quello della sessualità. Così facendo, i protagonisti delle storie raccolte hanno offerto materiale per una ricerca pedagogica, situata in un contesto ben determinato, che nasce dalla necessità di interrogarsi circa il ruolo e le opportunità educative che il Sistema Formativo Integrato, in cui gli adolescenti omosessuali sono quotidianamente immersi, offre (e nega) al delicato processo di costruzione della loro identità.
Attraverso un dispositivo metodologico di matrice qualitativa, narrativa e costruttivista, a partire dai dati emersi dalle autobiografie, la ricerca ha tratteggiato percorsi, sfumato confini, incrociato luoghi tipici di ogni adolescenza (come la famiglia, la scuola o lo sport) ma ha anche portato alla luce non luoghi specifici di quelle omosessuali (come le associazioni e il variegato mondo di internet), disegnando, ogni volta, traiettorie personali e particolari, che hanno evidenziato cruciali questioni di interesse pedagogico.
Il volume infatti si propone l’obiettivo di offrire su un piano più generale alcune riflessioni sul tema del rapporto tra educazione e omosessualità, rivolgendosi e chiamando in causa tutti coloro, dai genitori agli insegnanti che, a vario titolo, si trovano a ricoprire un ruolo educativo nei confronti degli adolescenti e riconoscono il difficile (quanto sfidante) compito di accompagnarli nel loro percorso di soggettivazione dell’identità. Ma si rivolge e chiama in causa anche chi, in maniera più informale, si trova ad attraversare analoghi percorsi di vita, caratterizzati da una sorta di “invisibilità”, culturale, sociale, educativa. In entrambi i casi, il tentativo è quello di proporre possibili linee di indirizzo, sotto forma di un modello teorico inedito, che spingano il discorso pedagogico sempre più nella direzione dell’inclusione di tutti e di ciascuno.

Stefano Maltese, dottore di ricerca in Scienze Psicologiche e Pedagogiche e Doctor Europaeus, è attualmente assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e collabora col Centro SInAPSi – Servizi per l’Inclusione Attiva e Partecipata degli Studenti – presso il medesimo Ateneo. I suoi interessi di ricerca si indirizzano alle tematiche dell’inclusione sociale, della devianza e della marginalità con particolare attenzione alle condizioni di vita degli adolescenti. Ha pubblicato articoli in riviste e saggi in volumi collettanei.


Stefano Maltese, Traiettorie «underground» della formazione. Sentieri pedagogici nelle storie di vita degli adolescenti omosessuali, Franco Angeli 2017, pp. 222, ISBN: 9788891742865

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: