Queerographies

Frocio chi legge.

[Allan Gurganus | Anche le sante hanno una madre]

Anche le sante hanno una madre

«Sapete qual è la dieta migliore? La vita.»

Jean Mulray è una donna di mezz’età, divorziata,intelligente,insoddisfatta.È madre di due piccoli gemelli, ma soprattutto di una diciassettenne, Caitlin, che lei stessa ha ribattezzato,e non senza irritazione, la “santa” e di cui ammira e allo stesso tempo critica l’eccessiva disponibilità verso il mondo.La figlia è infatti molto più devota ai poveri che a sua madre, cui ruba regolarmente scarpe e vestiti per portarli ai senzatetto.

Popolare, bella, sportiva e altruista, è l’idolo della cittadina di Falls, nel North Carolina. Quando poi Caitlin comunica alla madre di voler partire per l’Africa con un’associazione non profit per svolgere attività di volontariato, Jean si oppone con tutte le sue forze, alimentando sempre di più i conflitti con la figlia che le rimprovera di essere egoista e “borghese”.

Dopo la partenza di Caitlin, i contatti tra la madre e la figlia sono saltuari e difficoltosi per via dello scarso funzionamento di un telefono satellitare e soprattutto per l’insofferenza di Caitlin verso i rimproveri e le “cattive premonizioni” della madre.

Finché una notte, quando sembra disposta a tacitare la tensione generata dal sapere la figlia in un altro continente, Jean riceve una telefonata.

E nulla sarà più come prima.

«William Faulkner, Alice Munro e Raymond Carver.
Allan Gurganus appartiene a questa lista ridotta di grandissimi scrittori.»
The New York Times

Allan Gurganus (1947) nasce a Rocky Mount, nel Nord Carolina. Si laurea in Belle Arti, poi entra in Marina durante la guerra del Vietnam, epoca in cui comincia a dedicarsi alla scrittura. È tra gli allievi prediletti di John Cheever all’Iowa Writers’ Workshop. Nel 1989 Gurganus pubblica il suo primo romanzo L’ultima vedova sudista vuota il sacco (Leonardo, 1991), tradotto in dodici lingue e bestseller internazionale. Nel 1992 vince il Sue Kaufman Prize.

“Lo scrittore più bravo dal punto di vista tecnico e il più sensibile sul piano morale della sua generazione.” – John Cheever


Allan Gurganus, Anche le sante hanno una madre [Saints Have Mothers], trad. it. di Maria Baiocchi e Anna Tagliavini, Playground 2015, pp. 144, ISBN: 9788889113998

Un commento su “[Allan Gurganus | Anche le sante hanno una madre]

  1. Pingback: [L’esca][Allan Gurganus] | Queerographies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: