Queerographies

Frocio chi legge.

[Un angelo migliore][Chris Adrian]

angeloNei nove racconti di questa raccolta, scritti fra il 1997 e il 2007, il naturale si mescola con spontaneità al soprannaturale, l’umano al demonico. La fisicità è prepotente in ogni storia e le malattie del corpo si affiancano a quelle dello spirito – lutti, abbandoni, solitudini – a disegnare una geografia del dolore, spesso infantile, dentro al quale il trascendente s’innesta con esiti sorprendenti. Chi si aspettasse di ritrovare nell’angelo che dà il titolo alla raccolta l’immacolato emissario divino dell’iconografia classica resterebbe deluso. L’essere alato in questione si abbiglia in modo astruso, non disdegna l’occasionale dose di stupefacenti, ed è tanto restio o inabile ad aiutare il medico tossicomane di cui è custode, quanto questi lo è ad alleviare il male terminale che affligge suo padre. Allo stesso modo, è inutile cercare nelle piccole creature tormentate dei racconti il malatino fragile ed emaciato dell’immaginario comune. I bambini di Adrian sono intelligentissimi, «troppo per il loro stesso bene», disincantati, capaci di adoperare armi affilate. Quella del sarcasmo, fra le altre: la minuscola Cindy, affetta da Sindrome dell’intestino corto, ne fa largo uso con medici e pazienti dell’ospedale, ma risparmia le educatrici perché maltrattare loro «è come prendere a calci un cagnolino». Carl, il bambino scambiato, conosce le leve del senso di colpa. E c’è chi le lame le sceglie davvero. Il potere visionario della polarità terreno- ultraterreno raggiunge il suo apice nei tre racconti che riverberano l’11 settembre. L’impatto di quell’evento sull’inconsapevole e plasmabile materia infantile deflagra in un’altra realtà, ma impartisce nel contempo un’indimenticabile lezione su questa. Difficile non leggere in filigrana il dato biografico. L’esperienza di Adrian, oncologo pediatrico e teologo, oltre che scrittore, si riversa evidentemente in questi racconti, come in tutta la sua opera, con potenza e capacità evocativa, ma senza alcun dogmatismo. L’anima di una donna in coma, dopotutto, non è che «la parte di lei che non coincideva con quel corpo malato».

«Storie straordinarie, bellissime, indimenticabili. Al pari di Kafka, Poe e Salman Rushdie, Adrian sa bene che il modo migliore per dar vita al meraviglioso è scriverne realisticamente».
The Boston Globe

È una faccenda spinosa, la vita. Cosí Caleb, sette anni, preferisce rifugiarsi sul pianeta Barsoom con i suoi riti marziani per i compleanni dimenticati; Carl, nove, parla di sé al plurale e pretende bibliche espiazioni; e la bella signora dai capelli rossi decide di farla finita con passioni e dolori solo per scoprire che la fine della vita non equivale alla fine della storia. Ma se si può perdere un gemello amatissimo prematuramente, se un padre può sparire insieme ad altre duemilanovecentonovantasette anime in un’apocalisse di fuoco e acciaio, un angelo custode che ci sta a fare? Nell’universo di Adrian gli angeli, ali sgualcite, vizietti chimici e brutto carattere, hanno davvero bisogno di imparare a far meglio.


 

Chris Adrian, Un angelo migliore [A Better Angel], trad. it. di Giulia Boringhieri, Einaudi 2015, pp. 234, ISBN: 9788806209650

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: