Queerographies

Frocio chi legge.

[L’anima che fugge][Harold Brodkey]

harlod brodkey“Nessuno scrittore contemporaneo ha finora ritratto le stravaganze di una mente in azione con il coraggio e la visione di Harold Brodkey.” Queste sono le parole con cui l’editore Farrar & Strauss accompagna, nel 1991, la pubblicazione del primo romanzo di Harold Brodkey, L’anima che fugge, dopo quasi trent’anni di attesa e infinite stesure. Paragonato di volta in volta a Wordsworth, Milton e definito da Harold Bloom “un Proust americano, senza termini di paragone nella narrativa dalla morte di William Faulkner”, Brodkey ha scritto un’opera grandiosa e audace “l’unico romanzo necessario del Novecento”, prendendo a prestito le parole di Gordon Lish. Con un linguaggio che si eleva e ipnotizza, L’anima che fugge esplora senza timore la giovinezza e la maturità, l’amore e la perdita, il sesso e la morte, il matrimonio e la famiglia di Wiley Silenowicz, un lucido sessantenne dall’anima ipertrofica e molteplice. A seguito della drammatica morte della madre, Wiley ripercorre la sua infanzia tormentata quando fu affidato al cugino S. L. Silenowicz e a sua moglie Lila, una donna emotivamente fragile. Orfano a due anni, nuovamente senza famiglia a sei, resiste ai danni dell’esistenza e agli abusi della sorella adottiva Nonie con la forza immaginifica della fantasia. Da questo speciale punto d’osservazione richiama a raccolta, sensitivo e accogliente come mai, i fantasmi del passato indicandoli per nome, come per disfarsene con il corpo e con la mente. Le loro nevrosi sono il bersaglio verso cui indirizzare la sua prosa, che caricata di vendetta, si fa eccessiva, traboccante, insolente. Una lingua che rivive nella traduzione d’autore di Flavio Santi e che ha tratti si ribella. La coscienza d’improvviso si fa benevola, calda, consapevole di aver anche molto amato nella vita. In questo movimento l’anima che fugge diventa più sincera.

Harold Brodkey è considerato uno dei maggiori scrittori americani del secolo scorso. In Italia sono apparsi con vari editori tra il 1962 e il 1993 Primo amore e altri affanni (1958), Storie in un modo quasi classico (1988), Amicizie profane (1994), Questo buio feroce. Storia della mia morte (1996).  Nel 1991 ha pubblicato il romanzo a cui aveva lavorato per più di 30 anni, The Runaway Soul che Fandango ha tradotto e pubblicato per la prima volta in Italia.


Harold Brodkey, L’anima che fugge [The Runaway Soul], trad. it. di Flavio Santi, Fandango libri 2018, pp. 1034, ISBN: 9788860444653

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: