Queerographies

Frocio chi legge.

[Congo Square][James Baldwin]

congo squareIn questo saggio autobiografico, contenuto in The Devil Find Works (1976) e per la prima volta tradotto in italiano, James Baldwin affronta e mette in relazione i principali temi che attraversano la sua opera: il valore e l’importanza dell’eccezione, del diverso, e il suo eterno conflitto con la norma; il senso dell’essere nero nella storia e nel presente degli Stati Uniti.

Prendendo spunto dai suoi iniziali incontri con il cinema (e anche con la letteratura), grazie a Orilla Miller, una coraggiosa maestra, l’autore collega con una lucidità impareggiabili realtà e immaginario, spiegando come il secondo spesso manchi di cogliere la prima, perché assume la forma di uno specchio orientato se non proprio deformante. La voce del cinema americano è quella dei privilegiati, mentre Baldwin affida alla propria scrittura il compito di ricordare  gli ultimi e gli oppressi. E come annota nella sua prefazione il giovane scrittore francese Édouard Louis “nella cultura è compresa una violenza intrinseca”, a meno che, come nelle opere di Baldwin, la si definisca in opposizione alla cultura dominante.

“Se Vincent van Gogh è stato l’artista-santo del Diciannovesimo secolo, James Baldwin lo è stato del Ventesimo.” Michael Ondaatje


James Baldwin, Congo Square, trad. it. di Sara Antonelli, introduzione di Édouard Louis, Playground 2017, pp. 83, ISBN: 9788899452148

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: