Queerographies

Frocio chi legge.

[Ipotesi di felicità][Alberto Pellegatta]

Ipotesi di felicitàIn “Ipotesi di felicità” la concretezza di una visione disincantata dell’umano esserci quotidiano viene espressa nell’eleganza raffinata di una scrittura insieme sciolta, comunicativa, vivace e capace di passare dal verso alla materica densità di brevi componimenti in prosa. In questo libro si osserva anche l’emergere di una consapevolezza dell’essere poeta del poeta stesso espressa nella pagina, nel movimento interno al testo, dove l’autore viene a porsi come una sorta di sottile spia del proprio gesto poetico, ma senza alcun cedimento di sapore metaletterario. Pellegatta disegna la sua visione del mondo ben consapevole del felice debito con i maestri, siano essi gli amati artisti o altri modelli e riferimenti colti, da Kafka al Max Aub. Notevole è poi il senso esplicito di Pellegatta per l’insieme architettonico del libro, concepito come vero e proprio organismo, in linea con i maggiori esiti della poesia novecentesca e contemporanea. Nel fitto gioco di rimandi interni che “Ipotesi di felicità” offre nella sua tessitura, sono sicuramente importanti i passaggi in prosa, come nell’esemplare capitolo del bestiario, in una raffinata e sottilmente ironica capacità che esibisce: quella di assimilare la natura di queste figurine animali a quella degli umani nei loro toni e comportamenti.

Alberto Pellegatta (Milano 1978) ha pubblicato Mattinata larga (LietoColle 2002) e L’ombra della salute (Mondadori 2011). Ha vinto la prima edizione del Premio Cetonaverde.


Alberto Pellegatta, Ipotesi di felicità, Mondadori 2017, pp. 120, ISBN: 9788804677345

Un commento su “[Ipotesi di felicità][Alberto Pellegatta]

  1. Giulio Benatti
    agosto 3, 2018

    …Mi sorprende vedere una recensione di ipotesi di felicità qui…ne sottolinea la serietà e profondità del Blog! é un libro che continuo a leggere e rileggere..continuando a sorprendermi .(e strana coincidenza …è da varie settimane che non lo trovavo e proprio stamattina è ricomparso sotto un ammasso di riviste e libri… poi vedo la tua recensione!)…Pellegatta ha un suo proprio linguaggio che mi cattura …e affascina…”il respiro cade verticale come l’ombra eppure sale come l’edera il silenzio..”…. Ottima recensione! consiglio ai veri amanti della poesia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: