Queerographies

Frocio chi legge.

[Omofollia][Mattia Cesari]

omofollia“Molte persone omofobe credono che noi gay siamo malati e che la nostra malattia sia contagiosa. Tutto questo è folle!” Inizia così il libro autobiografico di Mattia Cesari, diventato famoso sul web per le sue parodie di Belén Rodriguez. Ma dietro l’ironia che mostra in video c’è molto altro. C’è un liceale in cerca della sua identità sessuale, c’è il bisogno e la difficoltà di conoscersi, c’è la rabbia per le parole (o anche solo per gli sguardi) di chi vede con sospetto i gay, c’è la voglia di urlare che “l’omofobia non è una paura ma una sorta di ignoranza perché non si può avere paura degli omosessuali”. Il racconto intimo di un percorso per imparare ad amarsi e amare e per farci aprire gli occhi.

Ho 19 anni e vi racconto come l’omofobia ha cambiato la mia vita

Gita di terza elementare, tutti in pullman, destinazione la necropoli etrusca di Cerveteri. Due bambine di un’altra classe sedute sul sedile davanti si girano verso di me. Una allunga la mano e mi afferra una ciocca lunga e bionda di capelli. Non tira, li accarezza stupita e dice: «Come ti chiami?». «Mattia.» «Mh-mh. E perché hai i capelli da femmina?» Non lo sapevo che quelli fossero «capelli da femmina». Per me erano i capelli come li portava quel figo di mio padre e gli avevo chiesto di lasciarmeli crescere proprio come i suoi, ma evidentemente su di me l’effetto era, come dire, diverso. Da quel momento, anno dopo anno, Mattia inizia a vedere le cose da un altro punto di vista, a riconoscere e accettare gradualmente la sua identità sessuale, a confrontarsi con l’ottusità della gente, quella che lui definisce «omofollia», e a tentare talvolta di aprire almeno una piccola breccia nel muro dell’omofobia. Il tutto sullo sfondo della sua improvvisa e inaspettata popolarità sul web – con i pro e i contro che comporta – e la voglia di crescere ogni giorno di più. Una voce fresca e sincera per raccontare la storia di un adolescente normale.

Mattia Cesari (Roma, 1997) è un ragazzo come tanti che a 16 anni ha iniziato per gioco a postare video in cui imitava Belén Rodríguez e nel giro di poco è diventato noto sui social. Col tempo, a questo suo lato ironico, Mattia ne ha affiancato uno più intimo: dopo aver fatto coming out, ha iniziato a raccontare i suoi sentimenti e le sue posizioni sul mondo gay e sull’omofobia in modo onesto, tenero e magnetico, trasformandosi in un punto di riferimento per molti giovani della sua età che trovano in lui una voce amica e un esempio.


Mattia Cesari, Omofollia, Rizzoli 2016, pp. 195, ISBN: 9788817081450

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: